Working people
  Eventi-news
Totem multimediali
Per la scuola
Mappe

   Chiesa Serbo-Ortodossa di San Spiridione

La Chiesa serbo – ortodossa di San Spiridione, nota anche con il nome di Chiesa degli Schiavoni, è stata realizzata tra il 1861 e il 1868 su progetto dell’architetto milanese Carlo Maciachini, allievo dell’Accademia milanese di Brera.

L’attuale edificio sorge sulle fondamenta di una chiesa ortodossa preesistente, realizzata tra il 1751 ed il 175chiesa di san spiridione trieste5, utilizzata inizialmente sia dalla comunità greca che da quella serba, che ne acquisì l’esclusiva proprietà nel 1781. Purtroppo però il terreno su cui era stato costruito il vecchio tempio non era molto stabile – era stato eretto sui terreni delle vecchie saline che in quegli anni venivano bonificati per ospitare gli edifici del nuovo chiesa di san spiridione triesteborgo Teresiano - e già prima del 1850 fu demolito il campanile posto sul lato destro, divenuto pericolante, e nel 1860 si dovette demolire l’intera chiesa.

Nel 1861 fu pertanto avviata la costruzione della nuova chiesa, previo rinforzamento del terreno mediante l’utilizzo delle palafitte, così come avveniva nella laguna veneziana.

Il tempio, nella tradizione orientale, presenta una pianta a croce greca sovrastata da una grande cupola centrale e attorniata all’esterno da quattro campaniletti cupolati angolari dal caratteristico colore azzurro.
E’ stato costruito prevalentemente con pietra di provenienza locale, fatta eccezione per le colonne in marmo di Verona ed i cornicioni in marmo di Toscana.

Nel suo progetto l’architetto Carlo Maciachini venne coadiuvato, per gli esterni, dal pittore Pompeo Bertini, dal decoratore Antonio Caremi e dallo scultore Emilio Bisi - tutti milanesi - mentre i lavori vennero diretti all’architetto triestino Pietro Palese. chiesa di san spiridione trieste
Al pittore Giuseppe Bertini, fratello di Pompeo, fu invece affidata la decorazione pittorica interna, come pure la progettazione dei mosaici decorativi esterni, eseguiti in parte con il fratello.

Il tempio è  alto 40 metri, lungo 38, largo 31 e può accogliere fino a 1600 persone.

Venne aperto al culto il 2 settembre 1868, anche se l’inaugurazione ufficiale chiesa serbo ortodossa san spiridione triesteavvenne il 20 settembre del 1869.

All’interno, di particolare interesse :

 - la preziosa lampada votiva (che tuttora pende nel vestibolo del tempio) realizzata in argento da orafi veneziani e donata nel 1782 dal futuro zar Paolo I in occasione di una sua visita alla città di Trieste;

- l’iconostasi in legno massiccio, riccamente ornata da intagli, che divide il presbiterio dal resto della chiesa; le quattro icone, raffiguranti  la Madonna,  Gesù,  S. Spiridione e L’Annunciazione, realizzate a Mosca all’inizio dell’800, sono ricoperte di oro e argento.