Working people
  Eventi-news
Totem multimediali
Per la scuola
Mappe

   Il tram di Opicina

Il modo più romantico, anche se non il più veloce, per arrivare sul Carso da Trieste, è il vecchio tram di Opicina (dai triestini chiamato “tram de Opcina”) che, partendo dalla centrale piazza Oberdan si arrampica lungo la salita di Scorcola per arrivare appunto adOpicina.

Il percorso è dolce e suggestivo ed offre bellissimi scorci sulla città e sul golfo.

Caratteristica di questo tragitto, è la tratta funicolare, unica nel suo genere:

  • la vettura in salita da Trieste per Opicina, viene agganciata ad un carro-scudo attaccato ad una fune traente che scorre in mezzo al binario
  • contemporaneamente, presso la stazione a monte di Vetta Scorcola, la vettura discendente (da Opicina per Trieste) viene agganciata ad un altro carro, attaccato all’altro capo della fune
  • con il tradizionale sistema a fune del sali-scendi, un carrello spingerà il tram in salita, mentre l’altro carrello frenerà la vettura in discesa
  • a metà della tratta funicolare i due treni, naturalmente, si incrociano.

La pendenza massima di questo tragitto è del 26%.

Il tram di Opicina è entrato in funzione il 9 settembre del 1902 per opera della Società Anonima delle piccole Ferrovie e serviva inizialmente solo la tratta Piazza Scorcola- Vetta Scorcola.
Il primo tram era a trazione elettrica con locomotori a cremagliera e nel 1928 viene sostituito dall’impianto funicolare tuttora utilizzato.

Inizialmente il tram non aveva copertura sulle testate, il manovratore si trovava pertanto esposto a qualsiasi condizione climatica . Solo nel 1908 vennero aggiunte le vetrate alle carrozze di cinque degli otto tram che si alternavano nella corse; i tre mezzi rimasti privi di fiancate (chiamati per tale ragione giardiniere) venivano pertanto utilizzati esclusivamente nei mesi estivi.
 
Nel 1992, in occasione dei 90 anni dall'inaugurazione, è stata ripristinata la storica carrozza "numero 1", che risulta ad oggi la più vecchia vettura tranviaria in funzione in Europa.

A questa linea è dedicata una della più famose canzoni popolari triestine "EL TRAM DE OPCINA", la quale racconta un fatto realmente accaduto il 10 ottobre 1902 quando - a solo un mese dall’inaugurazione - una motrice lungo la ripida discesa di Scorcola, causa la rottura di un freno, deragliò dai binari abbattendo due pali elettrici che finirono su una casa distruggendola quasi completamente.

Il Tram di Opicina più che un mezzo di trasporto è una vera e propria attrazione turistica, oltre che un punto di riferimento nella storia della città.
Lungo il suo percorso, scendendo alla fermata dell’Obelisco, parte ad esempio una bellissima camminata: il sentiero della Napoleonica, percorrendo il quale si può raggiungere il Santuario Mariano di Monte Grisa. s