Working people
  Eventi-news
Totem multimediali
Per la scuola
Mappe

   San Pelagio

Altitudine: 225 m. s.l.m.

L'abitato di San Pelagio, le cui origini sono molto antiche, come testimonia una lapide romana riportata alla luce nel XVIII secolo e come si evince dalle numerose citazioni in documenti storici, è un abitato del comune di Duino Aurisina esteso su un dosso collinoso circondato da campi e vigne.
 
Il toponimo è legato alla diffusione della popolazione Slovena in questo san pelagio duino aurisinaterritorio, San Pelago era infatti nativo di Emona e vescovo di Lubiana.

La Chiesa di San Pelagio, la cui data di costruzione è incerta ma ne è provata l’esistenza nel XV secolo, è situata in una posizione molto panoramica: l'area antistante l'ingresso, sistemata a prato, è orientata verso il golfo e da qui si san pelagio duino aurisinagode di una spettacolare vista che, nelle giornate particolarmente limpide si estende fino alla laguna di Grado.

A destra della facciata della chiesa si eleva il campanile, alto 30 metri, in puro stile veneto mentre sul sagrato, ombreggiato da grandi alberi, c’è il vecchio pozzo pubblico con la vera circolare in pietra; fino ai primi anni del XX secolo l'ambito della chiesa era circondato da un muro-recinto, di cui ora ne rimane solo il lato dove è posizionato il campanile.

A pochi metri dalla chiesa, sulla strada che porta ad Aurisina, sulla destra si trova uno tra gli edifici più antichi del Carso: è la vecchia Canonica, i cui ingressi si trovano oggi a circa 50 cm al di sotto della sede stradale.
 
L’Abitato storico di San Pelagio si sviluppa naturalmente intorno alla chiesa, con edifici che hanno mantenuto l'aspetto tipico delle case carsiche. Il resto delle abitazioni, più recenti, è invece immerso nella natura, caratterizzata da ampi pascoli e vigneti.