Working people
  Eventi-news
Totem multimediali
Per la scuola
Mappe

   Duino

ristorante al cavalluccio

Altitudine: 39 m. s.l.m.

Duino, assieme ad Aurisina, è la località principale del comune di Duino Aurisina.

Ci sono diverse teorie sull’origine del toponimo, una delle quali lo fa derivare dal latino “tubinum” che significa piccola tuba, con riferimento alla vicina Chiesa di San Giovanni in Tuba ed alle bocche  uscita del fiume Timavo.

Lo sviluppo e la storia di Duino sono inevitabilmente legati con quelli dei suoi due castelli

  • duinoil Castello Vecchio, di cui non si conosce l’esatta data di origine, costruito su uno sperone roccioso a strapiombo sul mare e collegato alla terraferma da una strettissima lingua di roccia, ridotto oggi ad una suggestivo e romantico rudere 
  • il Castello Nuovo, ricostruito dopo le distruzioni della Prima Guerra Mondiale, che oggi si presenta come un insieme di edifici di diversi periodi raccolti intorno ad un cortile chiuso da alte mura ed impreziosito da uno splendido giardino.

Diversi ritrovamenti archeologiche hanno comunque dimostrato che la zona risultava abitata già a partire dalla tarda età del rame.
Il centro storico del paese, in antichità protetto da mura ancora oggi in parte visibili, è  raccolto attorno al castello ed alla Chiesa del Santo Spirito, risalente al 1591.

Col passare del tempo la località si è sviluppata sia lungo la strada che porta a Trieste e che verso il mare, con la località di Duino Mare, ormai un tutt’uno  con il centro storico.

A Duino Mare vi è un piccolo e romantico porticciolo, oltre che uno stabilimento balneare.

Accanto al castello sfocia il sentiero Rilke, splendida passeggiata a picco sul mare dedicata al poeta tedesco Rainer Maria Rilke, che soggiornò a Duino tra il 1811 e 1912 e che dalla bellezza di questi luoghi ebbe l'ispirazione per scrivere le famose "Elegie duinesi".

Duino è inoltre la sede del "Collegio del Mondo Unito dell'Adriatico", uno dei Collegi del Mondo Unito, fondato nel 1982, che ospita studenti provenienti da tutto il mondo.

Oltre che di storia, Duino è anche un paese ricco di leggende. Le due più famose riguardano

  • la Dama Bianca: alla base della rupe su cui si ergono i ruderi del Vecchio Castello di Duino, c’è una roccia – ben visibile dal mare - con la forma di una donna velata, vestita di bianco, appunto la Dama Bianca, la sposa che un Castellano fece precipitare nel vuoto dalle mura del castello. A questa fine orribile si oppose però il cielo che impedì alla donna di sfracellarsi e la trasformò, quand'era ancora in volo, in pietra. La leggenda narra ancora che in certe notti la pietra si rianimi e vaghi disperata tra le mura del vecchio castello in cerca della culla del suo figlioletto
  • lo scoglio di Dante: nella piccola insenatura tra i due castelli, esce dall’acqua uno scoglio che viene chiamato lo Scoglio di Dante, poiché è credenza che su di esso venisse a meditare Dante Alighieri nel periodo in cui sarebbe stato ospite di Pagano della Torre.