Working people
  Eventi-news
Totem multimediali
Per la scuola
Mappe

   Ceroglie

Altitudine: 146 m s.l.m.

Ceroglie è un piccolo centro agricolo, frazione del comune di Duino Aurisina, situato in una ridente vallata coltivata alle pendici del Monte Ermada,  ricostruito quasi totalmente dopo aver subito danni durante entrambi i conflitti mondiali.

Il toponimo deriverebbe dal latino Cerrus (quercia), albero che caratterizza i boschi circostanti ed ha dato origine ai cognomi Cerovac e Cerovec, tipici delle famiglie del luogo.

ceroglieIl borgo si sviluppa in modo lineare lungo la strada che collega Malchina a Sistiana e presenta ancora i tipici tratti degli abitati rurali carsici, con la Chiesa dei SS. Cirillo e Metodio consacrata nel 1588.

Citato già nel 1305 in un contratto di compravendita in cui viene menzionato un certo Blasio figlio di Andrea de Ceroglan, il sito ha sicuramente origini più antiche, testimoniate dalla presenza del Castelliere di Ceroglie, scoperto nel 1964 su una collina a 215 m di altitudine non lontano dal Castelliere del Monte Ermada.

La zona, interessata dagli scontri bellici, si presenta come un interessante museo a cielo aperto, con trincee e rifugi ricavati nelle grotte carsiche, tra cui, la nota Grotta dell’Ospedale che i soldati adattarono per poter curare i feriti durante il primo conflitto mondiale.

Alle spalle del paese, proprio dietro la chiesa dei SS. Cirillo e Metodio, passa la vecchia carrareccia conosciuta anche come Alta Via del Carso (sentiero n.3), che si snoda da Iamiano, sul Carso Goriziano, fino al valico di Pese sopra alla Val Rosandra.

Da Ceroglie si può prendere anche il sentiero n.8 (basta proseguire verso il sentiero n.3 e, trovatisi al bivio, prendere il sentiero di sinistra). Il sentiero collega Medeazza a Malchina e offre un percorso interessante che può snodarsi fino a Duino o salire fino alla cima del Monte Ermada da dove si scorgono vallate e paesi incastonati nel verde, le cime scure dei monti e, all’orizzonte, il mare.