Working people
  Eventi-news
Totem multimediali
Per la scuola
Mappe

   Università degli Studi di Trieste

La zona originaria dell'Ateneo risale al 1877 quando, per donazione privata della Fondazione Revoltella, viene creata a Trieste la Scuola Superiore di commercio.

Dopo il primo conflitto mondiale, nel 1919, venne parificata agli altri Istituti superiori di commercio esistenti nel Paese e divenne poi Università degli studi economici e commerciali per Regio Decreto dell'8 agosto 1924.

Successivamente, l'attivazione della facoltà di Giurisprudenza - nei due distinti corsi di laurea in Giurisprudenza e in Scienze politiche - consentiva l'assunzione del titolo di Università degli Studi per Regio Decreto dell'8 luglio 1938. Nello stesso anno, veniva posta la prima pietra di quella che è oggi la sede centrale dell'Ateneo, in posizione dominante sul colle di Scoglietto, e l'assunzione - da parte del Governo - dell'impegno di dotare la nuova Università di tutte le facoltà, secondo un piano di sviluppo progressivo.

Ulteriore incremento derivò all'Ateneo dal D.P.R. 6 marzo 1978, n. 102, che parificava alle altre facoltà la Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori.

L'Università degli Studi di Trieste è stata successivamente articolata in 12 facoltà che, con i suoi 41 dipartimenti, ha ospitato sino a 23.000 studenti.

Nel 2008 l'Università di Trieste è stata seconda in Italia nella classifica delle eccellenze, dopo il Politecnico di Milano, collocandosi ai primi posti in diverse voci: fondi di ricerca per docenti, rapporto numerico tra studenti e insegnati, lauree nei tempi previsti e mancata dispersione (solo 8 studenti su 100 lasciano l’Università).

Il predetto assetto si è mantenuto in vita sino alla riforma universitaria del 2010 (l. 30 dicembre 2010, n. 240), in attuazione della quale il nuovo Statuto di Ateneo, entrato in vigore nel 2012, ha ridisegnato l’architettura istituzionale dell’Università, decretando, per un verso, la cessazione delle preesistenti facoltà e, per l’altro, l’attribuzione delle funzioni di organizzazione didattica e di gestione dell’attività scientifica ai seguenti dipartimenti: Fisica; Ingegneria e Architettura; Matematica e Geoscienze; Scienze Chimiche e Farmaceutiche; Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche; Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell'Interpretazione e della Traduzione; Scienze Mediche, Chirurgiche e della Salute; Scienze Politiche e Sociali; Scienze della Vita; Studi Umanistici.

Per maggiori informazioni www.units.it

Ultimo aggiornamento: 23/06/2014