Working people
  Eventi-news
Totem multimediali
Per la scuola
Mappe

   L' asparago

L’Asparago è una pianta della famiglia delle liliaceae molto comune in Carso. E’ una pianta erbacea dotata di un rizoma sotterraneo dal quale in primavera nascono i giovani germogli detti turioni, cioè la parte così ricercata per uso alimentare.

Il turione che inizialmente si presenta morbido e filamentoso si sviluppa in un fusto estremamente ramificato che raggiunge anche i due metri. Le foglie dell’Asparago sono piccolissime e quelle che ad occhio inesperto parrebbero essere le foglie in realtà non sono che i cladodi, cioè rametti trasformati. Allo stato selvatico è presente in tutte le zone adriatiche fino alle Puglie e sul versante tirrenico dalla Campania al Lazio.

L’elemento più interessante dell’asparago però non sono i suoi turioni ma le radici della pianta che ne costituiscono la droga. Le radici si raccolgono durante la primavera e l’autunno, cioè quando la pianta è a riposo; si recidono con un coltello avendo l’accortezza di non asportare oltre il venticinque per cento delle stesse per permettere alla pianta di continuare a vegetare.  

Droga:
le radici si lavano per eliminare gli eventuali residui e la terra e si tagliano dapprima lungo la verticale e poi in pezzi lunghi circa quattro centimetri. Esse, rimescolate spesso, vengono essiccate in recipienti di vetro posti al sole. Particolare attenzione deve essere posta nell’evitare l’umidità che danneggerebbe il risultato.

Proprietà:
dimagranti, diuretiche, depurative.
Sconsigliate per coloro che soffrono di infiammazioni renali, sono invece da consigliare per i malati di cuore poiché permettono l’eliminazione dell’acqua che può avere cause derivanti da una circolazione sanguigna non sufficiente. Sono rivolti in particolare a cardiopatici e obesi.

Decotto, come aperitivo  diuretico: 100 ml di acqua con 4 grammi di radici. Due o tre tazze senza zucchero lontano dai pasti.

Tintura: 100 ml di alcool con 20 grammi di radici a macero per dieci giorni. Un cucchiaio prima dei pasti.