Working people
  Eventi-news
Totem multimediali
Per la scuola
Mappe

   Il cigno reale

Il Cigno reale è certamente una delle specie più conosciute tra i volatili. La sua notorietà è dovuta soprattutto alla sua grande capacità di adattamento alla cattività a tal punto che anche gli esemplari domestici vengono tenuti normalmente in semilibertà. La presenza degli esemplari selvatici nella provincia di Trieste si deve in particolare al passaggio verso le aree protette intorno a Grado. E’ facilmente avvistabile in numerosi branchi intorno a metà febbraio mentre sosta nelle acque del golfo.   
Lunghezza di circa 160 cm, ala di 65 cm, coda di 23 cm e becco di 10 cm. Il suo manto è interamente monocromatico di un bianco candido. Il colore del becco è arancione intenso, con base e contorni neri. Sulla parte superiore del becco è ben visibile una escrescenza sferica di colore nero. Proprio il becco è la caratteristica che distingue questa specie dal Cigno selvatico, il quale mostra un becco giallo privo dell’escrescenza.
Generalmente silenzioso possiede una voce rauca e poco melodica.

 

Habitat: animale prettamente acquatico, cammina con difficoltà sulla terraferma. Il Cigno reale è gregario e usa spostarsi in volo nella classica formazione a triangolo, simile a molti altri anatidi.

Riproduzione: nidifica, una sola volta all’anno, sulla terraferma nelle vicinanze dell’acqua o sugli isolotti circondati dall’acqua. Predilige in particolare le aree paludose. Il nido, estremamente voluminoso, è costruito in modo piuttosto grossolano con rami, canne ed altre erbe. Nonostante il suo aspetto regale è di indole aggressiva e non teme di aggredire altri animali, rapaci o uomini compresi, per difendere il suo nido. Prima di attaccare avverte il nemico con forti soffi. Nella stagione degli amori i maschi ingaggiano furiosi combattimenti tra loro per il predominio. La cova avviene tra aprile e maggio e dura circa 35 giorni.
Una femmina depone da 5 a 7 uova di colore verde bluastro lunghe oltre 11 cm. Queste uova detengono il record di grandezza tra le specie selvatiche nidificanti in Italia.

Alimentazione: molluschi, insetti, rospi, rane, pesci, radici, vegetali, alghe e granaglie.